Home

Procedura operativa direzionale RFI DPR PD IFS 012 A

Con comunicazione operativa 313/RFI del 6 febbraio 2014, RFI ha emesso la procedura operativa direzionale RFI DPR PD IFS 012 A, “Requisiti monitoraggio e controllo delle officine esterne addette alla manutenzione dei mezzi d’opera circolanti in regime di interruzione su linea RFI”.

La procedura ha il compito di disciplinare l’attività di controllo e monitoraggio che RFI effettua nei confronti delle officine esterne qualificate, addette alla manutenzione dei mezzi d’opera, di proprietà di RFI e delle Imprese appaltatrici, circolanti in regime di interruzione.

La S.Te.L., in collaborazione con AC TRAIN (www.actrain.it),società consortile specializzata nella formazione consulenza tecnica e direzionale nel settore ferroviario, offre una consulenza completa alle officine certificate  con  la necessaria organizzazione e i relativi controlli atti a garantire la continuità della certificazione.

In particolare sono previste:

  1. Attività di check in del mezzo d’opera in ingresso per la manutenzione e eventuale comunicazioni delle relative non conformità.
  2. Interfaccia verso il gestore della qualità aziendale allo scopo di garantire l’aggiornamento delle metodologie operative e degli ordini di lavoro.
  3. Attività di controllo tecnico e documentale sui componenti e materiali.
  4. Esecuzione e controllo dei programmi formativi obbligatori e non gestita da  centro di formazione ufficialmente riconosciuto dall’ANSF.
  5. Registrazione e archiviazione del dossier delle operazioni di manutenzione.
  6. Gestione della reimmissione in servizio su interruzione del mezzo d’opera e rilascio delle relative certificazioni.
  7. Redazione del dossier annuale da trasmettere alla SOMO
  8. Assistenza durante i controlli biennali  e straordinari della SOMO.
 
Il nostro personale è a disposizione per un preventivo immediato e gratuito.
Per ulteriori informazioni non esitate a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.">'+addy_text31367+'<\/a>'; //--> .

Convegno Man.Tra sulla manutenzione nell'igiene ambientale

Giovedi 15 maggio si è tenuto, a Bologna, il convegno dell’associazione Man.Tra (Manutenzione e trasporti) sulla manutenzione nell’igiene ambientale.

Fig.1 - Un momento del convegno

Durante l’incontro, al quale ha partecipato attivamente anche la S.Te.L., è emersa chiaramente la necessità che i mezzi dell’igiene ambientale siano sottoposti a una manutenzione periodica che ne garantisca l’efficienza e la funzionalità. Ne deriva la richiesta di avere disponibile la documentazione di manutenzione e ricambio del prodotto, redatta dal Costruttore o da un Ente titolato, relativa ai veicoli e delle attrezzature utilizzati nell’espletamento dei servizi di raccolta dei rifiuti e di spazzamento delle strade nonché dei servizi complementari e collaterali di igiene urbana.

Nel suo intervento la S.Te.L., alla luce della propria ventennale esperienza, ha definito le linee guida e gli argomenti che la documentazione di manutenzione e ricambio deve avere in linea con l’attuale quadro normativo.

Comunicazione Organizzativa per il Certificato di Sicurezza
(COCS) 54

In data 01/08/2013 è stata emanata da Trenitalia la Comunicazione Organizzativa per il Certificato di Sicurezza (COCS) 54 avente per oggetto "Immissione e mantenimento in servizio dei Mezzi di Trazione utilizzati dagli Operatori di Manovra".

Sono stati così definiti i requisiti tecnici delle visite tecniche per l'immissione e il mantenimento in servizio degli Automotori e delle Locomotive di manovra utilizzati per le manovre nei raccordi (anche interni ad attività produttive), nei binari di presa e consegna esterni al raccordo, e nelle stazioni e binari della Infrastruttura Ferroviaria Nazionale, da parte degli Operatori di Manovra aventi rapporti con Trenitalia ai sensi della COCS 28 r.v ..

Infatti i Mezzi di trazione, secondo quanto previsto dalla disposizione 339/2000 Divisione Infrastruttura e dal Decreto Ministeriale n. 4572 del 11/02/1970, devono, a richiesta degli operatori di manovra, essere posti sotto la sorveglianza di un'Impresa Ferroviaria in possesso di certificato di sicurezza rilasciato da ANSF che ne accerta i requisiti necessari per operare in sicurezza.

La COCS 54 trova quindi applicazione in tutti i casi in cui la Vigilanza sui Mezzi di Trazione è esercitata da Trenitalia, attività formalizzata con il contratto per il mantenimento competenze del personale e vigilanza sui mezzi di trazione.
La COCS 54 prevede che:

  • I mezzi di trazione provvisti di libretto modello TV 41 in regola con le visite periodiche, possanoessere utilizzati fino alla successiva scadenza, in occasione della prima visita periodica i libretti TV 41 saranno ritirati e sostituiti dai nuovi libretti modello LMTM.
  • I mezzi di trazione provvisti di libretto modello TV 41 con le visite periodiche scadute, dovranno essere regolarizzati con l'emissione dei nuovi libretti modello LMTM.
  • I mezzi sprovvisti di TV 41 dovranno essere regolarizzati con l'emissione dei nuovi libretti modello LMTM.

La documentazione richiesta per l’emissione del nuovo libretto è la seguente:

  1. il disegno d'insieme con indicazione delle dimensioni principali e della posizione degli organi della trazione e della repulsione,
  2. il disegno degli assili e delle ruote,
  3. lo schema dell'impianto pneumatico
  4. i certificati dell' ultimo controllo non distruttivo (CND) degli assili
  5. i certificati di prova dei serbatoi,
  6. dichiarazione di assenza di "amianto"
  7. il Piano di Manutenzione,
  8. le istruzioni per la manutenzione,
  9. i riferimenti della ditta o delle ditte incaricate della manutenzione,
  10. il manuale d'uso.


Tale documentazione, normalmente disponibile per i mezzi di nuova acquisizione, non è sempre disponibile per i mezzi che, pur essendo operativi, non sono stati acquisiti in tempi recenti.

Come S.Te.L. operiamo nel campo della realizzazione dei manuali di manutenzione, cataloghi delle parti di ricambio e gestione della manutenzione da oltre dieci anni, in particolare per il settore del trasporto ferroviario; le nuove tecnologie informatiche ci consentono di offrire la realizzazione della necessaria documentazione tecnica mediante un’opera mirata di “reverse engineering” anche nel caso di totale mancanza di documentazione del costruttore.Siamo pertanto disponibili a fornire una valutazione tecnico - economica completamente gratuita per la realizzazione della necessaria documentazione.

Per ulteriori informazioni non esitate a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo..

Scarica la comunicazione

ISCRIZIONE AL RUMO

La procedura operativa direzionale RFI DPR PD IFS 006 A, prevede che per ogni mezzo d’opera autorizzato alla circolazione su rete RFI sia disponibile un manuale di manutenzione ed il relativo piano manutentivo.


Tale documentazione, normalmente disponibile per i mezzi di nuova acquisizione, non è sempre disponibile per i mezzi che, pur essendo operativi, non sono stati acquisiti in tempi recenti.


La normativa prevede che il manuale di manutenzione possa essere realizzato dal costruttore o, in alternativa, da una società di ingegneria qualificata e con esperienza nel settore.


In particolare per parchi macchine numerosi, molte regioni italiane danno la possibilità di accedere a fondi comunitari per le società che desiderano creare o organizzare un archivio di documentazione tecnica nella forma di un contributo a fondo perduto che può arrivare al 50 % della spesa sostenuta.


Come S.Te.L. operiamo nel campo della realizzazione dei manuali di manutenzione, cataloghi delle parti di ricambio e gestione della manutenzione da oltre dieci anni, in particolare per il settore del trasporto ferroviario; le nuove tecnologie informatiche ci consentono di offrire la realizzazione della necessaria documentazione tecnica mediante un’opera mirata di “reverse engineering” anche nel caso di totale mancanza di documentazione del costruttore, fornendo il nostro contributo anche per le pratiche di accesso ai fondi disponibili.

Di seguito sono riportati a titolo indicativo alcuni estratti dei manuali redatti dal nostro team.

Esempio di un
Manuale di Uso e Manutenzione
      Esempio di un 
Piano di manutenzione
         
         

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 Per informazioni non esitate a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Specifica ASSTRA, manutenzione, affidabilità e ciclo di vita

Nell’anno passato l’Associazione Trasporti ha provveduto a pubblicare la Edizione 2011 della pubblicazione “ Raccomandazioni della fornitura di un autobus “.
La pubblicazione si riferisce agli autobus adibiti al servizio urbano e extraurbano e tiene conto degli orientamenti contenuti nella Direttiva 2001/85/CE (recepita con DM 20 giugno 2003) nonché delle “Raccomandazioni UITP per le forniture di autobus”.

Il documento è importante in quanto tiene conto delle diverse esigenze dell’Azienda a seconda che voglia impostare la gara di fornitura con costo del ciclo di vita o meno; sempre più acquirenti, infatti, ritengono fondamentali le dichiarazioni rese dal fornitore in merito alla affidabilità e manutebilità per l’attribuzione dei parametri di valutazione dell’offerta e la successiva gestione del contratto di assistenza.

Leggi tutto: Specifica ASSTRA, manutenzione, affidabilità e ciclo di vita

Stazione Totale Leica FlexLine

STeL acquisisce la nuova stazione totale Leica FlexLine TS02che permette rilievi ancora più precisi ed accurati.

La stazione totale è uno strumento computerizzato che oltre ad assolvere la classica funzione di teodolite (cioè misuratore di angoli orizzontali e verticali) unisce un elettrodistanziometro (EDM), cioè un ricetrasmettitore di raggi infrarossi. Esso valuta la distanza tra due punti misurando la differenza di fase tra un'onda sinusoidale emessa e ricevuta (EDM a differenza di fase) oppure il tempo impiegato dall'onda emessa dallo strumento per eseguire il percorso (EDM a impulsi).

Leggi tutto: Stazione Totale Leica FlexLine

 

L’arma della qualità può arrestare la crisi

STeL e Tecnologia

Ecco uno stralcio dell'articolo pubblicato nell Numero 65 - Dicembre 2010 di SPIL Informa. (Scarica l'articolo completo )

S.Te.L. PUNTA SULLA TECNOLOGIA PERFEZIONA I PROPRI PROCESSI DI GESTIONE E PRODUZIONE

S.Te.L. Srl, società di servizi fondata alla fine degli anni Novanta dall’ingegner Giovanni Antico ed insediata nel Parco Industriale di Guasticce dal 2007, sta progressivamente aumentando la propria specializzazione e la qualità dei suoi prodotti. L’azienda, che si occupa della realizzazione di documentazione tecnica per l’industria meccanica (manuali di manutenzione, piani di fabbricazione, cataloghi delle parti di ricambio, corsi di istruzione) ha creato al suo interno le condizioni necessarie per soddisfare una nuova clientela, esigente e particolare come quella rappresentata dal Ministero della Difesa e dell’Interno e dai grandi marchi che lavorano per il settore militare, navale ed aeronautico.

Al nuovo ambito di attività la società ha dedicato, attrezzandoli, circa un terzo degli spazi della palazzina di Via Spagna 46, sede operativa della S.Te.L.. Anzi proprio la disponibilità di spazi operativi è stata, in qualche modo, l’elemento che ha spinto l’azienda a dar vita alla nuova divisione produttiva. “L’immobile acquistato da SPIL -commenta l’ingegner Antico- era sovradimensionato rispetto alle esigenze che S.Te.L. aveva al momento del suo insediamento a Guasticce; ma questo ha rappresentato per noi un’opportunità: possedere nella nostra sede spazi da utilizzare è stato l’incentivo ad ampliare il business”.
“In effetti -continua Antico- credo che se si pensa in grande, anche a livello di spazi operativi, poi si finisce con l’agire in grande”. Così, in un momento non facile per il comparto della metalmeccanica e della componentistica, la piccola impresa invece di ridurre la posta in gioco, ha… rilanciato, effettuando importanti investimenti e puntando su una clientela d’élite.

Leggi tutto: L’arma della qualità può arrestare la crisi

Conferenza Forze Armate e Tecnologia

Forze Armate e Tecnologia

SABATO 6 NOVEMBRE 2010 si svolgerà il convegno dal titolo “Forze Armate e Tecnologia” presso l’Auditorium dell’Accademia Navale di Livorno con inizio alle ore 16.30.

Forze Armate e tecnologia: un binomio sempre più inscindibile. L’evoluzione dello strumento militare è infatti sempre più legato all’aggiornamento tecnologico dei mezzi e dei sistemi. La superiorità tecnica garantisce maggiore protezione, maggiore mobilità e capacità di offendere, ovvero maggiori capacità operative e maggiore sicurezza per il nostro personale.


"Nel contesto internazionale sempre più globalizzato nel quale le Forze Armate operano, caratterizzato dalla velocità dei processi decisionali e realizzativi - dalla ricerca e sviluppo alla produzione è necessario constatare che, grazie ad una oculata gestione di progetti a lungo termine, con una corretta visione strategica, si riesce ad essere all’avanguardia e a possedere le giuste tecnologie e competenze.
Stare al passo con i tempi non basta: oggi bisogna prevedere i tempi, anticipandoli ed adattando comportamenti e strutture all’evoluzione culturale, politica e tecnologica."

 

Leggi tutto: Forze Armate e Tecnologia

S.Te.L. per l’Energia Rinnovabile

E’ iniziata l’installazione di un impianto fotovoltaico integrato da 11,66 kWp, realizzato con 53 moduli Sumtech 220.

Tali moduli saranno collegati in modo da formare 5 stringhe di 9 unità ed una stringa di 8 unità (una stringa di moduli è costituita da moduli collegati in serie tra di loro. Diverse stringhe saranno collegate in parallelo tra loro).

I moduli fotovoltaici verranno installati sul tetto in direzione Sud, con una struttura modulare che non comporterà alcun lavoro di rinforzo. Essi verranno collegati elettricamente all’inverter di interfaccia alla rete.


Quest’ultimo trasformerà la corrente continua dei moduli in corrente alternata rendendo l’energia pronta per essere contabilizzata, auto consumata e/o immessa in rete.

 

Leggi tutto: S.Te.L. per l’Energia Rinnovabile

Direttiva macchine commentata

E' appena stata pubblicata dalla Commissione Europea la seconda edizione, completa, dei commenti alla direttiva macchine 2006/42/CE.

Questo documento si prefigge di diventare il riferimento principale per tutti i costruttori di macchine e impianti. Un documento da cui attingere per la risoluzione di dubbi e incertezze nell'applicazione della direttiva.

Download

Per ulteriori approfondimenti potete fare riferimento alla COM&TEC Associazione Italiana per la Comunicazione Tecnica.

Punta sulle tecnologie e conquista i mercati

"S.Te.L investendo in qualità e innovazione ottiene molte commesse prestigiose."
Leggi tutto l'articolo pubblicato dal numero 61 del Dicembre 2008 di SPIL Informa.

Meccanica da...manuale

"Un nutrito pool di ingegneri e softwaristi realizza la documentazione tecnica per i grandi autobus"
Leggi tutto l'articolo pubblicato dal numero 56 del Marzo 2007 di SPIL Informa.

Meccanica da manuale

ShoppingASEhandelASErhvervIndexDKServiceIndexDK